Alla luce delle nostre esperienze di addetti ai lavori oltre che di collezionisti e appassionati di orologeria, abbiamo pensato di elencarvi una serie consigli per prendervi cura al meglio del vostro segnatempo.

Tutti partiamo da un ‘anno zero’, di conseguenza molte di queste informazioni potranno essere quasi scontate per il fine connoisseur di orologi, ma speriamo possano rivelarsi utili in particolare per chi è da poco entrato nel ‘nostro’ affascinante mondo.

1 –  LA RISERVA DI CARICA

Il movimento meccanico di un orologio, sia esso automatico o a carica manuale, è dotato di riserva di carica .  Quando l’orologio è completamente carico, la sua riserva sarà pari alle specifiche del modello.

Anche il vostro orologio automatico ha una riserva di carica e va caricato manualmente, specie se i movimenti del polso non bastano a caricare il movimento automaticamente oppure se non lo indossate per più di due giorni (in media).

Potrete ricaricare il vostro orologio con l’ausilio della corona effettuando circa 30 rotazioni complete in senso orario, magari prendendo l’abitudine di farlo ogni 2/3 giorni.

Per i movimenti a carica manuale, ruotate la corona finché la sentirete bloccarsi. L’orologio sarà dunque a piena carica. Eseguire questa operazione con delicatezza .

Mi raccomando dunque, non scuotete il vostro orologio  per ricaricarlo!!

2 – PRENDERSI CURA DEL PROPRIO SEGNATEMPO

Un orologio meccanico può arrivare ad accompagnarci per tutto il corso della nostra vita. 

Tuttavia essendo l’orologio uno strumento di alta precisione, è necessario sottoporlo a una regolare manutenzione per preservarne le componenti interne, oltre che l’aspetto e il suo valore. 

Immaginate di non cambiare per anni l’olio al motore della vostra macchina, prima o poi il motore potrebbe causarvi problemi di affidabilità. L’orologio è una macchina ancora più delicata e in continuo movimento. I suoi componenti misurano qualche decimo di millimetro e un bilanciere, il cuore del vostro orologio, compie ben 28’800 alternanze/ora e funziona per 24 ore al giorno ( 691’200 a/o), moltiplicate il tutto per i giorni dell’anno in cui lo indossate. L’usura a cui è sottoposto è davvero impressionante !

Non potete richiedere al vostro orologio la massima precisione se non vi prendete cura di lui.

Per questo vi consigliamo servizio completo ogni 4/5 anni rivolgendovi sempre a centri assistenza ufficiali, riconosciuti dal marchio del vostro orologio.

Manutenzione dei movimenti al quarzo – La Pila del vostro orologio al quarzo non ha una durata infinita e una volta scarica inizia a degradarsi. Si consiglia dunque di sostituirla appena ci si accorge che l’orologio si è fermato per evitare che il liquido rilasciato dalla pila possa danneggiare il movimento. 

3 –  DA EVITARE

➤ Cercare di evitare che il vostro orologio si trovi a stretto contatto con dispositivi elettronici in grado di generare               forti campi magnetici.

Gli orologi meccanici risentono di campi magnetici particolarmente forti e in tal caso subiscono malfunzionamenti come un eccessivo anticipo o ritardo nella marcia fino all’arresto del movimento. In questo caso sarà necessario portare il vostro segnatempo presso un centro assistenza autorizzato che effettuerà la demagnetizzazione.

Negli ultimi anni molte maison hanno sviluppato movimenti dotati di componenti, specie quelli più sensibili come la spirale del bilanciere, in grado di resistere a campi magnetici grazie all’impiego di materiali innovativi come il silicio.

Se il vostro orologio è dotato del datario è bene evitare di procedere alla regolazione dalle ore 22 alle 4.Le componenti del movimento che svolgono tale funzione potrebbero essere in fase di addentatura durante questa     fascia oraria, e forzando questa procedura si potrebbero provocare danni ai vari ingranaggi.

➤ Fare attenzione a non esporre il vostro segnatempo a temperature estreme (sopra i 60°C o sotto gli 0°C) o a sbalzi termici.

4 – IMPERMEABILITA’

L’impermeabilità di ogni orologio è garantita grazie a sofisticate soluzioni che si differenziano in base al grado profondità per cui è predisposto.

La resistenza all’acqua è garantita grazie a un sistema di guarnizioni che sono costantemente sottoposte a sollecitazioni esterne quali sbalzi di temperatura, raggi UV, sostante chimiche, polvere.

La loro resistenza non è eterna e varia a seconda dell’utilizzo dell’orologio.

Di regola è consigliabile una sostituzione delle guarnizioni ogni uno o due anni, mediante il servizio di manutenzione che tutte le maggiore case di orologeria offrono ai propri clienti.

Alcune precauzioni
☛ Nel caso in cui il vostro orologio sia dotato di una corona o di pulsanti del cronografo a vite, assicurarsi che siano ben serrati prima di  qualsiasi contatto della cassa con l’acqua;
☛ Non estrarre mai la corona sott’acqua o quando l’orologio è bagnato;
☛ Non premere mai i pulsanti del cronografo quando l’orologio è bagnato o sott’acqua;
☛ Dopo un’immersione in acqua di mare, risciacquare tempestivamente il vostro orologio in acqua dolce.

Per un approfondimento più dettagliato vi segnaliamo il nostro articolo ‘ L’impermeabilità del vostro orologio da polso, qualche consiglio prima delle vacanze estive’

5 – COME PULIRE IL VOSTRO OROLOGIO

Per pulire al meglio il bracciale e le cassa del vostro segnatempo vi consigliamo di utilizzare uno spazzolino a setole morbide con acqua e sapone neutro. Per asciugarli potrete utilizzare dello scottex o un panno morbido.

Prima di procedere con questa operazione assicuratevi sempre che il vostro orologio sia impermeabile.

In caso contrario, potrete procede alla pulizia del bracciale  staccato dalla cassa del vostro orologio.