Per celebrare i 20 anni del CHRONOMETRE A RESONANCE, FP JOURNE presenta una versione del modello con un quadrante speciale che sarà prodotto solo per l’anno 2019. Il quadrante tempo alle ore 3 mantiene il suo display classico analogico di 12 ore, mentre il quadrante a ore 9 mostra un’indicazione analogica con le 24 ore e, i due quadranti, possono essere impostati in due diversi fusi orari.

Il sottile meccanismo in oro rosa 18 carati, con i suoi due cuori meccanici che battono in perfetta sincronizzazione per una precisione senza precedenti nell’orologio da polso, è visibile attraverso un fondello in vetro zaffiro trasparente. Questa edizione è disponibile in due versioni: una in platino con quadrante in oro bianco e l’altra in oro 18 K con quadrante sempre in oro 18 carati.

Scopriamo come funziona la risonanza: ogni corpo animato trasmette una vibrazione nell’ambiente in cui si trova. Quando un altro corpo cattura questa vibrazione, assorbe la sua energia e inizia a vibrare alla stessa frequenza. Il primo è chiamato eccitatore e il secondo risuonatore. Questo fenomeno naturale noto per l’appunto come “risonanza” è parte integrante della nostra vita quotidiana anche se non siamo in grado di accorgercene.

“Quando cerchiamo un programma su un ricevitore radio, esso sfrigola fintanto che le onde scelte non raggiungono le onde del trasmettitore: solo allora, si armonizzano per risuonare!”

La risonanza riguarda tutte le aree, comprese quelle relative all’ingegneria meccanica, alla musica e agli esseri umani.

Il musicista Keith Jarett affermava:

“Questo fenomeno è ovvio nella musica. Liuti e sitar, ad esempio, hanno archi il cui unico scopo è vibrare per risonanza; il musicista non li tocca mai, nonostante la loro vicinanza alle corde pizzicate.”

Il cronometro a risonanza, caratterizzato da grande “poesia” orologiera, rimane l’orologio meccanico più preciso dell’orologeria contemporanea. Il prezzo di partenza del CHRONOMETRE A RESONANCE è di circa 80.000 euro.