Creato nel 1933 da Charles-Edouard Heuer, il primo contatore di bordo per automobile e aeroplano viene chiamato AUTAVIA (abbreviazione delle parole AUTOmobile e AVIAzione). Dopo un rally deludente a causa del quadrante poco chiaro, Jack HEUER decide di ricreare Autavia come cronografo da polso con lunetta girevole.

Nasce così uno dei segnatempo più emblematici nella storia dell’azienda. “Era audace, moderno, elegante e altamente leggibile”. Da allora, Autavia si è costantemente affermato nel settore del design e della tecnologia e viene considerato il primo dei “Big Three” di Heuer. In seguito sarebbe stato associato a cronografi da corsa e orologi iconici realizzati negli anni ’60 e ’70.

Per Baselworld 2019, TAG Heuer ha lanciato una nuova serie di Autavia. Partendo dalla tradizione, il nuovo Autograph Isograph Chronometer non è un cronografo, ma vanta alcuni argomenti convincenti sul lato meccanico.

Il design della collezione Autavia 2019 si basa su alcuni degli elementi trovati sui primi cronografi da polso di Heuer Autavia, nella fattispecie con la referenza 2446 “Big Eye” (foto sopra). Il modello attuale è presentato come un semplice orologio a tre lancette, un bel distacco dal concetto originale, ma incorpora all’interno una tecnologia all’avanguardia: la spirale del marchio Isograph Carbon Composite.

Il nuovo TAG Heuer Autavia Isograph Chronometer si presenta in una cassa rotonda dinamica da 42 mm estesa da alette smussate: la forma della cassa, la sua lunetta girevole e la corona oversize fanno tutti parte degli orologi Autavia vintage.

Questo nuovo modello sarà disponibile in casse in acciaio inossidabile o in bronzo con quadranti molto leggibili grazie alle grandi cifre arabe, presentato in diversi colori: grigio, marrone-verde e in blu, il tutto con un effetto sfumato “affumicato” e una finitura leggermente granulosa.

La data viene visualizzata alle ore 6 in punto. Il fondello in acciaio è chiuso e presenta un’elica e il logo di uno pneumatico, un’ode alle origini automobilistiche e aeronautiche del modello.

Le lancette sono grandi e piene di materiale luminoso. Nel complesso, l’orologio è piacevole, tuttavia la linea con gli orologi Autavia più vecchi è meno chiara rispetto alla riedizione del 2017 (foto sotto).

All’interno del nuovo TAG Heuer Autavia Isograph Chronometer troviamo il nuovo calibro automatico 5, un movimento automatico basato sul Sellita SW 200, che presenta la spirale in fibra di carbonio composita all’avanguardia prodotta internamente da TAG Heuer. Tra gli altri vantaggi, l’oscillatore può essere virtualmente non influenzato da gravità, urti e campi magnetici. Il suo design assicura oscillazioni concentriche per prestazioni migliorate.

L’Autovia Isograph Chronometer 2019 non è il primo orologio ad essere equipaggiato con questa nuova generazione di spirali, poiché è già in uso all’interno della Carrera Tourbillon Nanograph (foto sotto), mossa necessaria per aumentarne significativamente la produzione e raggiungere un prezzo competitivo.

Sviluppate e prodotto internamente da TAG Heuer, le nuove spirali in fibra di carbonio composito sono il risultato di competenze multidisciplinari. Il team di alto profilo raccolto da Guy Sémon nel quadro del LVMH Research Institute è unico e impressionante. Basato su una struttura esagonale nanoscopica, il materiale sviluppato da TAG Heuer presenta proprietà eccezionali per la produzione di spirali.

La spirale leggera e a bassa densità non è praticamente influenzata dalla gravità o da altri tipi di shock, le perfette oscillazioni concentriche sono rese possibili grazie alla geometria della spirale in carbonio composito che migliora anche la precisione dell’orologio. Prodotta con la pinza già attaccata (piccola parte che collega la spirale del bilanciere all’asse della ruota del bilanciere stesso), operazione che richiede un assemblaggio complicato e che genera solitamente un’ulteriore imprecisione. Il comportamento termico ottimale e l’aerodinamica sono raggiunti grazie all’accoppiando della spirale a un bilanciere in lega di alluminio. Nel laboratorio gli orologi sono stati testati fino a 5.000 g/1m.

Il TAG Heuer Autavia Isograph Chronometer è completato da un cinturino in pelle di vitello con cuciture bianchissime e fibbia ad ardiglione o cinturino in acciaio con fibbia deployante. La collezione sarà disponibile a un prezzo ragionevole, a partire da EURO 3.400 per le versioni in acciaio e, fino a EURO 4.200 per quella in bronzo.