Audemars Piguet ha da poco annunciato che la punta di diamante delle sue collezioni, l’iconica referenza Royal Oak ref. 15202ST sarà sostituita nel 2022 da un nuovo modello in occasione del 50esimo anniversario del Roayl Oak. Ad annunciarlo è stato proprio il CEO Francois Bennahmias nel corso del format ‘AP Social Club’, conversando con l’ Head of Complications Michael Friedman.

Nato nel 1972 per mano di Gerlad Genta, quattro anni prima del Nautilus di Patek Philippe, il  Royal Oak ref. 5402 era un orologio dirompente. Non era solo l’ orologio in acciaio più costoso mai realizzato, ma un orologio che ha definito un nuovo genere, quello dell’orologio sportivo di lusso con bracciale integrato. L’ Audemars Piguet 15202 è la referenza moderna sulle cui spalle poggia l’eredità del primo Royal ed è stato presentato nel 2012, a sostituzione delle referenze 15202 precedenti, in esclusiva boutique con il solo quadrante blu per celebrare i 40 anni del Royal Oak, motivo per cui è proprio soprannominato “Anniversario”.

L’orologio ha mantenuto il diametro pari a 39 mm e il leggendario calibro 2121 di derivazione Jaeger Le Coultre, ma è stato attualizzato con piccole variazioni, come il posizionamento del logo AP verso le ore 6 (esattamente come accadeva sul 5402) e l’utilizzo del disco data con sfondo blu solidale al quadrante.

Qualche settimana fa il nostro editor Andrea Frigerio, ha dedicato un’approfondita analisi sull’andamento del prezzo di mercato del 15202ST. A fronte di questo annuncio ufficiale, visto quanto successo in Gennaio per il Patek Philippe 5711, temo proprio che i grafici aggiornati evidenzieranno un aumento vertiginoso dei prezzi dei ‘reseller’. Parafrasando un motto tanto caro agli amici speculatori del mercato azionario: “To the moon”.