In occasione del 50° anniversario del Royal Oak, Audemars Piguet ha presentato la nuova generazione del Royal Oak “Jumbo” Extra-Piatto da 39 mm (ref. 16202), con il nuovo movimento automatico ultra-sottile della Manifattura, il Calibro 7121.

La collezione comprende quattro modelli in acciaio, platino, oro rosa e oro giallo 18 carati, materiali che hanno svolto un ruolo fondamentale nel trasformare il Royal Oak in una collezione iconica.

1972, La nascita del primo Royal Oak 5402ST

Esattamente 50 anni fa, nel 1972 il Royal Oak veniva presentato a Basilea suscitando da subito un grande scalpore. Vero e proprio ‘game changer’ è il caso di dirlo, l’orologio di casa AP è stato accolto con molte riserve: era un orologio diverso dai canoni estetici di allora e per finire, era l’ orologio in acciaio inossidabile più costoso di qualsiasi modello in oro nel catalogo di Audemars Piguet.

Definito “Jumbo” per via della sua cassa dalle dimensioni generose per quell’epoca (39mm) il Royal Oak si presentava da subito con le caratteristiche ha mantenuto negli anni: cassa monoblocco di ispirazione marittima, lunetta ottagonale fissata con viti esagonali lucide, bracciale integrato alla cassa dalle linee minimali e definite, quadrante con motivo tapisserie.

Ma il Royal Oak 5402ST era anche meccanicamente rivoluzionario, ospitando il Calibro extra sottile 2121, (Jaeger-LeCoultre cal. 920) ovvero il movimento meccanico a carica automatica più sottile al mondo con rotore centrale e datario.

Dal 14802 al 15202

Il 5402ST scomparve dal catalogo per una decina d’anni fino a quando fu rilanciato nel 1992, dalle referenze 14802ST (in occasione del 20° anniversario) e 15002ST. Mentre la 14802ST aggiunse un fondello trasparente, e successivamente una cassa leggermente più spessa, la referenza 15002ST è rimasta abbastanza vicina al design e alle proporzioni originali della referenza. 5402ST.

Royal Oak 14802ST

La referenza 15202 è stata introdotta nel 2000, sostituendo le referenze precedenti. Questo orologio presentava ancora una volta un fondello trasparente, tuttavia, il suo quadrante presentava la cosiddetta Grande Tapisserie. Nel 2012, il 15202 è stato aggiornato, principalmente portando indietro il motivo Petite Tapisserie più piccolo come sull’originale 5402ST.

Il Royal Oak Jumbo ref. 15202ST, discendente del modello originale del 1972 ed è stato rilasciato nel 2012 in occasione del 40° anniversario dell’icona e ha reintrodotto il motivo Petite Tapisserie come sull’originale 5402ST. L’orologio è alimentato dal calibro 2121 a carica automatica ultrasottile di manifattura derivato dal leggendario movimento JLC920 di Jaeger-LeCoultre.

Royal Oak 15202ST

Il nuovo Royal Oak 16202

Ma veniamo alla novità presentata in occasione del 50esimo compleanno del Royal Oak, ovvero la nuova referenza 16202.

A dire il vero le referenze sono ben quattro: il ref. 16202ST.OO.1240ST.01, in acciaio, su bracciale in acciaio, con speciale quadrante blu anniversario; la ref. 16202OR.OO.1240OR.01, in oro rosa su bracciale in oro rosa, con quadrante “grigio fumé”; il ref. 16202BA.OO.1240BA.01, in oro giallo su bracciale in oro giallo, con quadrante in oro fumé; e il ref. 16202PT.OO.1240PT.01 in platino su bracciale platino, con quadrante verde fumè.

Esaminiamo ora quali sono le novità introdotte e in cosa differisce questo nuovo 16202ST, rispetto all’ormai leggendario 15202ST.

Se per molti era considerato un orologio praticamente perfetto per ergonomia, estetica e meccanica, Audemars Piguet ha apportato alcune piccole migliorie che lo avvicinano alla perfezione.

Partiamo dal nuovo movimento, Calibro 7121 che segna il debutto della nuova referenza “Jumbo” 16202. Seppur leggermente più pesso del precedente il Calibro 2121, (3,2mm vs 3,05mm) è stato concepito dagli ingenieri di AP per adattarsi alla cassa del Royal Oak internamente, senza per questo alterare lo spessore di 8,1mm e l’estetica.

A livello di prestazioni il nuovo Calibro 7121 ha inoltre una frequenza più alta (28,800 vph) che garantisce una migliore precisione e una riserva di carica aumentata a 55 ore (40 ore nel calibro precedente). Altro aspetto di cui saranno contenti i nuovi possessori del Royal Oak 16202 è l’introduzione, finalmente, dello scatto rapido del datario.

Il nuovo Calibro 4121 (sx) montato sul nuovo 16202 e il Calibro 2121 (dx) montato sul 15202


Sono stati necessari cinque anni di sviluppo per realizzare il nuovo Calibro 7121, che, grazie alla sua nuova struttura, è dotato di più energia rispetto al suo predecessore. Il bariletto più ampio e dunque una molla più grande, conferisce maggiore energia all’intero movimento. È inoltre dotato di una massa oscillante montata su cuscinetti a sfera, che utilizza due invertitori, sviluppata in-house per garantire l’avvolgimento bidirezionale.

Il suo bilanciere è dotato di blocchi inerziali che sono stati inseriti direttamente al suo interno per evitare gli attriti superflui. Inoltre, il Calibro 7121 è dotato di un meccanismo brevettato di impostazione della data extra-piatto e a basso consumo energetico.


Le finiture sono in linea con la tradizione orologiera, il Calibro 7121 è decorato con motivi come “Côtes de Genève”, “traits tirés” e venatura circolare che possono essere ammirate attraverso il fondello in vetro zaffiro dell’orologio.

La cassa e il bracciale in acciaio, rifiniti a mano con satinatura e smussature lucidate, sono impreziositi dall’iconico quadrante con motivo Petite Tapisserie dell’orologio e dalla tonalità Bleu Nuit, Nuage 50 (“blu notte, nuvola 50”).


Il quadrante Bleu Nuit, Nuage 50 è stato originariamente sviluppato dal produttore di quadranti di Ginevra Stern Frères. La tonalità blu è stata ottenuta immergendo ciascun quadrante in un bagno galvanico. Sul quadrante è stato poi applicato un sottile strato di vernice mista a poche gocce di colore nero (n° 50) per proteggerlo. Il termine “nuage” si riferisce all’effetto nuvola che crea la goccia di colore nero quando entra nella vernice liquida protettiva. Oggi, la tonalità Bleu Nuit, Nuage 50 è ottenuta in-house tramite PVD (Physical Vapor Deposition) per garantire un colore più omogeneo in tutta la collezione.

Analogamente al Royal Oak del 1972, questo nuovo modello “Jumbo” ha mantenuto gli indici e le lancette a baignoire o “vasca” originali, che consentono di versare il materiale luminescente per una leggibilità ottimale. Il quadrante ha anche mantenuto il monogramma AP applicato in oro lucido a ore 6, così come la dicitura “AUDEMARS PIGUET AUTOMATIC” stampata a ore 12.

L’indicazione “SWISS MADE”, che ha sostituito “SWISS” intorno alla metà degli anni ’80, rimane posizionata a ore 6, con le parole SWISS e MADE su entrambi i lati dell’indice per bilanciare il quadrante.

Tuttavia contrariamente al 5402ST, il fondello in vetro zaffiro lascia intravedere il nuovo movimento extra-piatto e la massa oscillante realizzata per l’anniversario.

Il rotore è decorato con il logo “50 years”, ma sarà presente solo sugli orologi prodotti quest’anno. A partire dal 2023, il rotore di tutti i Royal Oak non presentà più il logo “50 Years”.

CONSIDERAZIONI

Che dire, Audemars Piguet non poteva eseguire diversamente il restyling conservativo del leggendario Royal Oak. Come migliorare ciò che è apparentemente perfetto e apprezzato da tutti, in tutto il mondo? Semplice: innovando, nel solco della tradizione e Audemars ci è riuscita magistralmente.

Cosa non lo rende ancora perfetto? La riserva di carica pari a 55 ore non è propriamente in linea con gli standard raggiunti da altri brand di orologeria e l’impermeabilità di 50 metri è ancora esigua, considerato che chi indossa un Royal Oak ama averlo al polso in ogni circostanza.

Il prezzo di vendita della versione in acciaio ref. 16202ST.OO.1240ST.01 è pari a EUR 32,400.